Skip links

Da offline a online: i 5 passi per la digitalizzazione 

da off line a on line 5 passi digitalizzazione dave slane studio
Tempo di Lettura: 5 minuti

Il lockdown, durante il Covid-19, ha inciso profondamente sulle nostre vite: il mercato globale ha imposto a molti di rimanere a casa, o quantomeno, di mantenere le distanze, fisicamente, dagli altri. 

digital-trasformation-dave-slane-studio
La Digital Transformation oramai è una realtà

Ed è probabile che hai dovuto abituarti a lavorare da casa.

I social media, e la rete in generale, hanno fatto sì che il peso del distanziamento sociale fosse meno duro e hanno evitato il tracollo per molte aziende e professionisti, soprattutto quelle che già avevano una significativa presenza sul web.

Alcune attività sono state costrette a chiudere, altre hanno colto l’opportunità per proporsi e competere online. Quale momento migliore, infatti, se non quello attuale, per poter investire sulla propria presenza e identità digitale? 

Le misure di contenimento ci hanno insegnato, sicuramente, che nel mondo digitale le possibilità sono enormi. Avere una giusta presenza online è di fondamentale importanza per chi svolge oggigiorno un’attività e vuole vendere (prodotti o servizi).

Sulla base della nostra esperienza lavorativa con anni di consulenze e realizzazione di progetti di digitalizzazione, vogliamo indicarti quali sono i 5 passi fondamentali affinché il tuo business possa passare da offline a online ed avviare la tua digital transformation.

1. Cura in ogni minimo dettaglio il tuo Brand

brand-pepsi-cola-dave-slane-studio
Uno dei brand più noti: Pepsi Cola

Per Brand si intende il marchio del tuo prodotto, della tua azienda, del tuo studio o della tua agenzia di servizi, ad esempio.

Il primo passo verso la digital transformation è quello di creare un proprio Brand, se non ne possiedi già uno, o trasferire on-line quello che hai già creato e portato avanti negli anni, curando ogni minimo particolare.

Ma cosa si intende esattamente per marchio?

Non è solo, come puoi immaginare, la creazione di un logo personalizzato. Il marchio è anche la scelta di colori e di caratteri che ti rendono riconoscibile, differenziandoti dagli altri. Ma è, anche, molto più, andando ad interessare aspetti più relazionali. E il discorso, qui, si amplierebbe con la Brand Identity dove si considera ogni aspetto del marchio che vuoi trasmettere ai tuoi clienti, dal tono di voce al modo di presentarti, dai valori ai messaggi che vuoi comunicare e come farlo. Se vuoi approfondire questo argomento, nei prossimi giorni tratteremo nello specifico l’argomento in un articolo. Resta sintonizzato!

2. Analizza la tua nicchia di appartenenza e i tuoi competitors

Prima di iniziare la digital transformation bisogna effettuare un’attenta analisi della tua nicchia di appartenenza.

L’analisi va effettuata andando a esaminare quelle che sono le necessità e le richieste dei clienti online utilizzando software e tools in grado di fornire dati dettagliati a riguardo.

Relativamente ai tuoi competitors (aziende ed attività che propongono prodotti o servizi che risultano sostituibili, agli occhi di un cliente, a quelli che offri tu) bisogna andare ad analizzare tutto ciò che li riguarda: presenza online, sito web, canali social, followers.

Inoltre, va eseguita qualsiasi altra analisi che possa farti acquisire quante più informazioni necessarie alla sponsorizzazione dei tuoi prodotti e/o servizi, ed arrivare a creare dettagliatamente il tuo target di riferimento.

Ma come puoi pianificare ed eseguire questa analisi?

La miglior scelta è capire sin dall’inizio se vuoi puntare sul local marketing o sul marketing nazionale.

Il local marketing (marketing relativo alla tua zona geografica prevalente) ti può far ottenere risultati migliori in un tempo più breve e a costi più bassi; riesci, probabilmente, ad arrivare ad un pubblico specifico e a fare una selezione più accurata di quelli che possono essere i tuoi potenziali clienti.

Se, invece, punti ad avere una presenza on-line su tutto il territorio nazionale (o addirittura internazionale) allora dovrai essere più paziente, cercare di studiare una strategia di marketing molto più complessa e dettagliata ed essere consapevole che avrai bisogno di parecchio budget a disposizione.  

3. Crea un sito web

Quello del sito web è il punto più delicato.

Partiamo col dire che avere un sito web non è indispensabile, o meglio, lo sarà quando avrai ben chiari i tuoi obiettivi.

Oggi avere un sito web è garanzia di professionalità, ma solo se ben realizzato e gestito, ma non solo: dipende, infatti, da come è stato impostato, se ottimizzato per un adeguato posizionamento sui motori di ricerca (in gergo si dice fare SEO), dalla velocità di navigazione e da tanti altri fattori che determinano la sua funzionalità ed il suo grado di soddisfazione del pubblico durante la navigazione (la famosa User Experience). 

Se vuoi approfondire l’argomento ti consigliamo di valutare le varie tipologie di siti web che il nostro studio realizza in modo da comprendere quante e quali caratteristiche possono essere presenti.

4. Sfrutta al meglio i canali social ed i motori di ricerca

social-media-dave-slane-studio
Social Media

Analizza i social che già possiedi!

Se sono rivolti al tuo business puoi continuare ad utilizzarli cercando di ampliarli con contenuti ad hoc per la tua nicchia di riferimento.

Se invece, non hai ancora dei profili business puoi iniziare col creare ed inserire, di volta in volta, nuovi contenuti che possano attirare nuovi lead (potenziali clienti).

Grazie ai social media e ai motori di ricerca (Google su tutti) non solo avrai la possibilità di farti conoscere ed ampliare la tua rete di contatti, ma potrai anche sponsorizzare gratuitamente o a pagamento i tuoi prodotti e/o servizi.

Esempi di canali importanti, che dovresti considerare nella tua strategia di digital marketing, sono:

  1. Facebook e Instagram ADS: si tratta della sezione advertising dei social media più importanti al mondo; grazie alle sponsorizzazioni, potrai pubblicizzare ogni tipo di prodotto e/o servizio tu voglia presentandolo ad una platea enorme o specifica di utenti, facendo attenzione, però, a quelle che sono le norme comportamentali dettate dal social.
  2. Facebook Marketplace: è una vera e propria vetrina on-line e funziona come un e-commerce; puoi inserire i prodotti che desideri vendere, il materiale utile a ciò (foto, descrizione ed altro) ed il relativo costo.
  3. Google My Business: è uno strumento fantastico per il tuo business se parliamo di local marketing; tramite GMB potrai inserire tutti i dati relativi alla tua attività (indirizzo, foto, orari di apertura, informazioni generali e descrizione dell’attività), inoltre potrai creare un sito web molto basilare ma che puoi utilizzare come un vero e proprio blog pubblicando non solo articoli utili ai tuoi follower o potenziali clienti, ma anche inserendo novità ed offerte inerenti ai tuoi prodotti e/o servizi. (per esperienza, diversi nostri clienti hanno trovato giovamento, in termini di investimento, con tale strategia)

5. Crea contenuti che incrementino l’interesse verso i tuoi prodotti e/o servizi offerti

Per quanto riguarda i contenuti cerca di essere “sempre sul pezzo”!

Se vendi prodotti crea contenuti che li mettano in risalto, descrivendo, dettagliatamente, le loro caratteristiche e funzionalità e soprattutto spingi i tuoi lead a comprendere i benefici che otterranno, utilizzando i tuoi prodotti

Se invece vendi servizi puoi creare contenuti che spieghino accuratamente le dinamiche con cui li porti a termine e i vantaggi che si possono ottenere, e la cura e l’attenzione che poni alle richieste del cliente durante lo svolgimento degli stessi.

Se sei arrivato fin qui e stai pensando che ci sono tante cose da valutare e studiare, hai ragione! 

Ad oggi essere in possesso di conoscenze trasversali, come il Social Media Marketing, è fondamentale per differenziarsi sul mercato e per essere sempre al passo con i tempi. 

Se non hai molto tempo da dedicare alla formazione e alla gestione di tutto ciò, ma non vuoi rinunciare ad avere una presenza on-line, puoi sempre affidarti a professionisti del settore che si occupano di gestirla per te.

A tal proposito ti consigliamo di scegliere con cura a chi affidare l’immagine on-line della tua attività, facendo diverse ricerche e valutando, con attenzione, i servizi offerti.

E stipula sempre contratti che tutelino la tua attività e prevedano indennizzi in caso di errori da “professionisti” improvvisati!

Il nostro studio da anni sviluppa strategie per la Digital Transformation di attività locali, liberi professionisti e aziende. Se sei interessato a digitalizzare la tua attività e avere una presenza on-line significativa puoi contattarci. Saremo felici e attenti alle tue richieste.

da offline a online 5 passi per la digitalizzazione

Se ti è piaciuto questo articolo rendi partecipe altre persone:

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Seguici

Iscriviti a Just:

Registrati

Esplora
Trascina